Visione di Impresa: come si crea e perché è importante

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su linkedin

Che cos’è una Visione d’Impresa.

La visione è l’aspetto più importante nel business, l’aspetto più importante per un’impresa ed un’azienda.

Facciamo una piccola premessa.

Impresa ed azienda non sono la stessa cosa.

L’impresa sogna nel cielo, l’azienda esegue nella terra. Cielo e terra, come Madre Natura insegna, devono essere in equilibrio, altrimenti non c’è vita nelle aziende, appassiscono fino a morire.

Vediamo che cos’è la visione.

La visione è qualcosa che ancora non c’è fisicamente, esiste solo nella mente del visionario.

Vediamo cosa dicono gli esperti internazionali di marketing e branding.

Attenzione: le persone non comprano le cose, le persone comprano i perché delle cose.

Questo è un aspetto fondamentale nel Business.

La visione è il perché legato alle cose che fai, è questo ciò che le persone (clienti) comprano.

Le cose, quindi prodotti e servizi, vengono sempre create due volte, prima nel cuore e nella mente, poi nelle realtà fisica.

Tutto ciò che vediamo come cose fisiche (prodotti e servizi), è stato prima sognato ed immaginato, poi creato fisicamente.

Sappiamo bene che si sente spesso parlare di Visione e come ci sia parecchia confusione attorno al termine “visione” nel campo delle imprese e del Business.

Iniziamo a fare una distinzione: la Visione non è la vista.

Sono due cose ben diverse.

Confondere visione e vista spesso crea dispersione e conflitti fra impresa ed azienda, portando anche a dolorose separazioni, fino alla morte dell’azienda stessa.

Ora, abbiamo detto che la visione è qualcosa che ancora non c’è fisicamente, esiste solo nella mente del visionario.

La Vista invece, rappresenta ciò che già conosciamo e vediamo.

Avere una visione significa vedere oltre le cose conosciute, fare le cose in modo nuovo, creare qualcosa che ancora non c’è.

La visione è ciò che rimane scolpito nella mente dei clienti, perché scolpita nella memoria dei tempi.

Tutte le grandi aziende hanno una visione e attenzione, la visione non è solo per le grandi aziende, la visione è ciò che ha reso gradi le aziende, che è completamente diverso.

Facciamo un esempio.

Henry Ford aveva una grande Visione.

All’epoca di Ford le persone si spostavano con le carrozze e le prime automobili erano solo per un mercato di élite, perché il loro costo non era accessibile a tutti.

Se Henry Ford avesse avuto solo vista e non visione, avrebbe chiesto al mercato (clienti) che cosa volevano per spostarsi più velocemente ed i clienti avrebbero risposto, giustamente, che volevano carrozze più veloci.

Henry Ford essendo un visionario ha scelto di prendere i cavalli e metterli nelle automobili, infatti i cavalli ancora oggi sono un’unità di misura delle automobili.

Ford grazie alla sua visione ha sostituito nella mente delle persone (clienti) le carrozze trainate dai cavalli, con delle automobili che avevano cavalli più veloci.

Dato che Ford voleva che tutti potessero spostarsi con l’automobile, ha dovuto inventarsi dei processi di produzione per far si che le automobili costassero come le carrozze, altrimenti non sarebbero state economicamente accessibili al mercato di massa.

Infatti Henry Ford è stato il primo ad inventare la catena di montaggio, che gli ha permesso di produrre le automobili abbattendo i costi di produzione, fino a far costare le automobili come le carrozze.

Bene. Facciamo un altro esempio.

Steve Jobs (Apple) grazie sua visione, ha pensato che le persone avevano bisogno di utilizzare l’iPad, non ha chiesto ai clienti se volevano un qualcosa che non potevano comprendere (non esisteva ancora l’iPad), bensì ha individuato un bisogno latente dei clienti senza che i clienti stessi lo palesassero.

Ci sono molte persone che hanno bisogno di uno schermo grande per leggere o per lavorare in maniera comoda. Inoltre l’Ipad è anche ben visibile dalla altre persone, quindi specialmente all’inizio, per i clienti era anche un modo per far vedere agli altri che possedevano un iPad.

Questi aspetti legati all’ego ed alla voglia di farsi vedere dagli altri con degli oggetti tecnologici all’avanguardia non è un male, come non è neanche un bene, è semplicemente un aspetto dell’essere umano e nel business è importante tenerne conto.

Bene, che cosa accade oggi? Ci sono moltissime persone che usano l’iPad, infatti poi sono nati anche i Tablet.

In qualsiasi caso la Apple è stata la prima (visione) a creare sia l’iPad che lo smartphone e nella mente dei clienti “primo” spesso significa migliore.

Ricorda questo, i clienti non percepiscono la qualità oggettiva, non ne hanno le competenze, altrimenti sarebbero concorrenti e non clienti.

I clienti percepiscono primo, non migliore.

Ora, qual è la visione di Steve Jobs, diventata poi anche la visione della Apple?

Ogni cosa creata dalla Apple deve essere bella e deve semplificare la vita delle persone, dei clienti, a prescindere che i prodotti si chiamino iPod, iPhone, iPad, iMac, iWatch o iCar, quando produrrà automobili.

E attenzione, è questo che i clienti comprano, la visione, non i prodotti ed i servizi.

Guarda che cosa accade quando viene lanciato un nuovo prodotto della Apple, i clienti creano delle file kilometriche fuori dagli store per essere tra i primi ad acquistare il nuovo modello.

Il nuovo modello della Apple non scappa dagli store, eppure le persone attendono ore ed ore per essere fra i primi ad acquistare la novità, il nuovo modello.

La stessa cosa che, attenzione, accade quando ci sono gli eventi religiosi, si creano file kilometriche di fedeli, ricorda la parola fedeli.

Ora seguimi bene, questo è un aspetto di fondamentale importanza.

Non c’è molta differenza fra una visione di impresa ed una visione religiosa.

Ad esempio, se vuoi fondare un nuovo brand, devi ragionare come se stessi fondando una nuova religione.

Questo è stato anche dimostrato dagli eccezionali studi nuero scientifici effettuati da Martin Lindstrom, esperto mondiale di marketing e branding e dalla Dott.ssa Claver.

Le domande alla base degli studi neuro scientifici di Lindstrom e Claver erano:

  • Cosa rende le religioni eterne?
  • Cosa permette alle religioni di continuare ad esistere e procedere?
  • C’è una relazione tra la fede religiosa e la fede verso certi Brand?
  • E perché invece in altri Brand non c’è fede, non c’è nessuna fidelizzazione?

Bene. Si è chiesto a dei religiosi, quindi preti e suore, di partecipare allo studio neuro scientifico, avvalendosi di strumenti di misura come elettroencefalogramma, risonanze magnetiche, conduttanze cutanee, Face Reader (telecamere che registrano le emozioni del volto).

Lo scopo era misurare cosa accadeva nella mante dei religiosi, sia a livello emotivo che razionale, quando venivano mostrati dei simboli sacri.

Nello specifico, occorreva vedere quali mappe cerebrali dei religiosi rispondevano guardando dei simboli religiosi.

Per comprendere meglio cosa sono le mappe cerebrali, immagina una cartina geografica nella nostra mente, ogni area corrisponde ad un certo tipo di stimoli.

Osservando i comportamenti elettrici di questa mappe cerebrali, possiamo capire cosa accade nella mente dei soggetti e cosa accade a livello emotivo nel loro profondo.

Bene. Attraverso questi test neuro scientifici è stato evidenziato che la religione ed i suoi simboli hanno un effetto preciso sulle persone, perché accadono esattamente 10 processi.

Qui sarebbe lunga descrivere nello specifico tutti i 10 processi, se vuoi approfondire puoi vedere il primo video gratis sulla visione e valori d’impresa, dove vengono spiegati i 10 processi.

Bene. Quello che adesso ci interessa sapere è: lo stesso test è poi stato eseguito con delle persone non religiose, dei laici, è gli è stato chiesto di visualizzare dei simboli commerciali, come loghi, parole precise ed altro ancora.

Lo scopo era vedere se e quali correlazioni ci fossero fra i simboli religiosi e quelli commerciali e se avessero lo stesso impatto emotivo nella mente delle persone, ovvero se in tutti e due i casi (simboli religiosi e simboli commerciali) si sarebbero attivate le stesse mappe cerebrali.

Ora attenzione: si è evidenziato che alcuni brand evocano nelle persone risposte e comportamenti identici alla religione.

Hai letto bene. Alcuni simboli di Brand evocano nelle persone le stesse riposte e comportamenti che evocano i simboli religiosi.

Alcuni esempi di questi Brand sono Ferrari, Toyota, Harley Davidson, Apple e altri ancora

Non tutti i Brand hanno evocato queste risposte e comportamenti nelle persone, solo quei Brand che nel loro simbolo racchiudono una visione chiara, semplice e potente.

L’aspetto fondamentale dello studio neuro scientifico che abbiamo appena visto è comprendere quanto sia importante avere una visione chiara, e quanto è potente la forza di una visione chiara.

Bene. Ricorda: la visione è in assoluto l’aspetto più importate del Business.

Questo non vale solo per il branding esterno versi i clienti, vale anche per il branding interno della aziende, verso i collaboratori, dipendenti e partners.

La visione da sola permette di ottimizzare l’azienda al suo interno, snellendo i costi ed accendendo la parte migliore e più potente delle persone che lavorano nelle aziende.

Questo è un aspetto che vedremo meglio in un prossimo articolo.

Per adesso, ci basta comprendere che la visione, ripetiamo, è l’aspetto più importante per una impresa ed una azienda.

Secondo la nostra esperienza sia diretta che indiretta in oltre 30 anni nel campo aziendale, il primo investimento da fare nel Business è sulla visione e sui valori d’impresa.